Sblocca Italia: approvato emendamento per potenziare Sistema Metropolitano Ferroviario Regionale Veneto

Binario_1G_a_Venezia_Mestre

Il Governo ha accolto ieri in serata l’emendamento 1.64 che avevo presentato al decreto Sblocca Italia, prevedendo di destinare prioritariamente le risorse derivanti da opere la cui cantierabilità è scaduta al potenziamento del Sistema Metropolitano Ferroviario Regionale (SMFR) veneto.
Con questo emendamento ci si prefigge di riutilizzare i fondi derivanti da quelle infrastrutture che sorpassano le scadenze imposte dal decreto, non cantierando in tempo gli interventi, destinandole a questo progetto solo parzialmente compiuto dalla Regione del Veneto e dal Ministero delle Infrastrutture; per considerare infatti portata a termine la prima Fase dell’opera, serve procedere con la chiusura del quadrilatero centrale Mestre–Treviso-Castelfranco–Padova, implementando un servizio sul territorio fondamentale per centinaia di migliaia di pendolari che ogni giorno utilizzano il sistema ferroviario regionale veneto. L’intervento ha un costo complessivo che si aggira intorno ai 100 milioni di Euro, e l’ultimazione dei lavori potrà portare al Veneto una nuova eccellenza, per altro appoggiata da ambientalisti e comitati, che, insieme al Passante di Mestre inaugurato nel 2009, rappresenterà la migliore dimostrazione del Veneto del fare.

         Alessandro Zan

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *