Alitalia: si scongiuri la chiusura delle basi di Venezia e Verona. Depositata interpellanza urgente

Alitalia

Alitalia

Ho depositato oggi un’interpellanza urgente ai ministri Lupi e Poletti per sapere se non intendano intervenire presso la nuova proprietà di Alitalia per scongiurare l’imminente chiusura delle basi AirOne di Venezia e Verona per il Veneto e il relativo trasferimento coatto di tutto il personale di volo (un centinaio di lavoratori) nelle città di Roma e Milano, come recentemente annunciato dalla compagnia aerea. Una decisione che appare quanto meno irragionevole, soprattutto perché Alitalia continuerà a operare regolarmente sugli aeroporti di Venezia e Verona (e così sulle altre basi territoriali italiane soppresse), addirittura accollandosi costi quasi sicuramente maggiori di quelli necessari al mantenimento delle basi, ossia il trasferimento, il vitto e l’alloggio di tutti ilavoratori in trasferta. Un vero e proprio paradosso, che conferma la necessità di un intervento immediato da parte dei ministri competenti. I diritti dei lavoratori vanno salvaguardati prima di ogni strategia aziendale mirata al profitto, a maggior ragione quando questa comporti enormi complicanze nella quotidianità del personale navigante, costringendolo – pena il licenziamento – a trasferimenti di domicilio e a modificazioni radicali della propria gestione familiare.

Alessandro Zan

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *